Il Vangelo inscritto nei nostri cuori

Ma lo Spirito Santo fa vivere in noi la vita vissuta da Gesù in un unico modo: inscrivendo il Vangelo di Cristo nei nostri cuori. Cristo non ha lasciato scritto su carta nessun Vangelo perché lo ha iscritto nel cuore dei discepoli, vivendolo con loro e insegnandolo loro. Di questo Vangelo, gli evangelisti hanno messo per iscritto solo alcune cose, mentre molte altre sono rimaste affidate semplicemente al cuore degli uomini e delle donne di tutti i tempi. Lo Spirito Santo, infatti, non ha mai cessato nella storia, e ancora oggi continua, di inscrivere il Vangelo, che è la vita di Cristo, nel cuore dell’umanità. L’opera dello Spirito è prendere da quel che è di Cristo, cioè dalla sua vita, e insegnarcelo, farcene capire il senso, per guidarci alla verità tutta intera. Lo Spirito Santo è, come dice sant’Agostino, il “maestro interiore”. Sì, maestro in noi della vita di Cristo! Vi è allora un Vangelo mai diventato Scrittura ma che è Vangelo di salvezza tanto quanto lo sono quelli scritti: è il Vangelo che lo Spirito Santo, dal giorno di Pentecoste fino alla fine dei tempi, ha scritto e scriverà nei cuori dei cristiani come nei cuori di tutti i giusti e le giuste della terra. Vivere il tempo pasquale e la sua pienezza, che è la grande festa della Pentecoste, significa credere che il Vangelo non sarà mai concluso, perché è una realtà viva che lo Spirito Santo sta scrivendo, anche in questo momento, nella vita e con la vita di uomini e di donne. Celebrare la Pasqua significa allora confessare che anche oggi lo Spirito Santo sta scrivendo pagine di un Vangelo che vive nella vita delle persone, nei loro gesti, nelle loro scelte, nelle loro umili vicende quotidiane. Nelle situazioni spesso vissute e portate con coraggio, dedizione, sacrificio di sé anche per una vita intera e di cui la storia del mondo di certo non parlerà mai. Pagine vive di Vangelo che noi credenti dovremmo saper discernere nell’opacità dei giorni, nelle pieghe della storia. Pagine vive da leggere, meditare, contemplare e anche pregare come facciamo con le pagine dei Vangeli. Là dove questo avviene, lo Spirito Santo continua a iscrivere il Vangelo nella carne viva di uomini e di donne, anche di quelli che, forse, neppure sanno che uno Spirito Santo esista. Ecco in cosa consiste la spiritualità pasquale: ogni giorno sarà Pasqua fino a quando, per opera dello Spirito Santo, qualcuno vivrà ancora la vita vissuta da Gesù.

Don Giuseppe