Un rapporto fiducioso

Nei Vangeli, in Luca in particolare, emerge chiaramente il fatto che Gesù dedicava molto tempo alla preghiera. Questa sua dedizione ha dapprima incuriosito i discepoli, poi li ha profondamente colpiti, infine li ha travolti. Hanno scoperto che Gesù traeva la sua forza interiore, la sua compassione, la sua gioia nel rapporto costante, personale, intimo con Dio nella preghiera costante.

Che bisogno aveva Gesù di pregare? Nessuno, se la preghiera è l’elenco quotidiano dei nostri bisogni cui Dio deve sopperire. Ma se, invece, la preghiera è entrare in profonda comunione con lui, immergersi nella realtà spirituale che tutto avvolge e riempie, spalancare lo sguardo interiore assumendo la prospettiva dell’Eterno, allora Gesù è maestro di preghiera. Anzi: il Maestro di preghiera.

Gesù prega nei momenti cruciali della sua missione: durante il Battesimo, ricordandoci che i gesti della fede vanno anzitutto celebrati nell’interiorità; nel momento della Trasfigurazione, perché la preghiera ci conduce alla bellezza di Dio; prima della croce, perché la preghiera ci aiuta a sostenere la sofferenza.

Prega nei momenti salienti del suo ministero: prima di chiamare i Dodici, per ricordarci che la Chiesa nasce e vive nella preghiera; prima della confessione di Pietro e per sostenerlo nella prova, perché Gesù si fida e prega per noi.

Il rapporto col Padre è rapporto di fiducia: Gesù ringrazia il Padre che sempre lo ascolta prima della risurrezione di Lazzaro, certo di essere esaudito. La preghiera, per lui, è anche occasione di riconoscere con grande gioia l’opera del Padre verso i semplici e gli umili, primi ad accogliere l’annuncio del Regno. La preghiera dopo l’Ultima Cena, che riporta Giovanni, è una specie di grande sintesi: Gesù porta tutta la sua vita, la sua missione, le persone che ama nella sua preghiera. E porta anche noi, anche me.

Gesù ci svela il volto del Padre: è a lui che rivolgiamo la preghiera. Pregare con Gesù, pregare il Padre e Dio di Gesù, significa anzitutto credere che gli stiamo a cuore, che esiste una logica nel suo agire, nel pieno rispetto della nostra libertà, che Dio si occupa di me. Noi chiediamo al Padre ed egli invia lo Spirito. Perché alla luce dello Spirito possiamo vedere, nella nostra vita, in che modo Dio ascolta le nostre richieste.

La preghiera è un colloquio intimo e comunitario, uno scambio di opinioni, una reciproca intesa. La preghiera è fatta di ascolto di Dio, di intercessione.

La preghiera di Gesù

Perché pregare? L’unica vera e inoppugnabile ragione che trovo in me stesso, l’unica risposta che ancora mi convince è: perché lo ha fatto Gesù, e io, che sono suo discepolo, voglio imitarlo.  L’incontro con Dio accende in noi una nuova sensibilità, spalanca un modo diverso di vedere la realtà e attiva una sensibilità profonda che deriva dall’anima. La preghiera è chiedere, lodare, contemplare,  intercedere. La preghiera diventa il modo di tenersi in contatto con Dio ma anche di restare in unione con noi stessi e con gli altri: è nel profondo dell’anima che sperimentiamo la presenza dell’Assoluto.

Pregare “serve” a qualcosa?

Penso tutti noi siamo consapevoli di quanto si importante e necessario pregare. E come la preghiera sia la fonte della comunità cristiana. Ecco perché diventa importante, oltre alla celebrazione dell’Eucaristia, inserire all’interno del cammino pastorale, momenti di preghiera, celebrazioni, veglie, adorazioni, novene comunitarie. Pregando insieme si diventa comunità. Pregare è cambiare il proprio sguardo sulla realtà a partire dall’Eterno.

La preghiera, oggi, non gode di particolare notorietà, siamo onesti. E non solo fra chi si dichiara non credente, in ricerca, o dubbioso, cosa peraltro comprensibile e legittima, visto che, in genere, considera la preghiera come un’inutile perdita di tempo, quando va bene. Ma anche fra chi si professa cristiano, fra chi vive con semplicità e onestà il Vangelo, fra chi si è messo alla sequela del Nazareno. Pregare non va di moda. Le obiezioni che si rivolgono alla preghiera sono innumerevoli e degne di attenzione. Le persone faticano a pregare per molte ragioni, alcune molto complesse e di difficile valutazione, altre più intuitive e immediate. Eppure, penso, che la nostalgia sia tanta. Nostalgia che emerge prepotente quando si coagula intorno ai luoghi di spiritualità che radunano migliaia di persone disposte a mettersi in ascolto, a fare silenzio, a interrogarsi, a pregare. Mi domando: forse in parrocchia non si trova sufficiente nutrimento delle vere e proprie  oasi di interiorità?

Una nuova riapertura

Don Giuseppe e i Consigli Parrocchiali stanno lavorando insieme per pensare una riapertura degli spazi dell’oratorio, la cui chiusura si è protratta per diversi mesi a causa dell’emergenza sanitaria. Purtroppo, le norme da seguire per ricominciare a usufruire della struttura sono molto rigide, addirittura in misura maggiore rispetto a quelle utilizzate per gli altri locali con frequenza del pubblico. Proprio per questo ci sono limiti oggettivi che momentaneamente limitano l’utilizzo degli spazi alle attività sportive organizzate. Per pensare insieme al futuro e, soprattutto, per trovare nuovi volontari, indispensabili in questa fase, vi invitiamo a una riunione fissata per domenica 27 settembre, alle 17, in chiesa. Il fatto di costituire un gruppo di persone che possa gestire in sicurezza l’oratorio è condizione indispensabile per la riapertura. 

Alleati per il futuro

96° Giornata per l’Università Cattolica

Stiamo vivendo una stagione difficile e incerta. L’urto della realtà, misteriosa e sconcertante, ha provocato la nostra vita riportando a galla le domande che tante volte preferiamo evitare: perché e per chi accade quel che accade? Come vivere il dolore? Che senso hanno avuto tante morti a motivo della pandemia? Oggi tutti parlano di “ripartenza” e noi, la comunità dei credenti, abbiamo un grande e originale contributo da dare. Ricominciare può coincidere con la chiusura di una parentesi, ma non crediamo che possiamo darci l’obiettivo di ritornare a dove ci siamo fermati, scommettendo sul tempo che lenisce le ferite e richiudendo nel cassetto dei ricordi la sfida esistenziale di questi mesi. Riflettere su quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, su ciò che stiamo imparando alla dura scuola della realtà. Nel biennio 2020/2021 l’Istituto Toniolo e l’Università Cattolica compiono 10 anni.  “Pensare alla cultura superiore mentre l’Italia nostra è in preda a convulsioni, mentre imperversa una bufera che potrà forse tutto sommergere, può sembrare iniziativa di gente che vive fuori dal mondo, non a contatto con la tremenda realtà dell’oggi!”. Così scriveva il Comitato Promotore dell’Università Cattolica nel 1920. quello era un tempo cupo di rivoluzioni, di violenze, di incognite, di poteri opachi, di rovine ancora fumanti per gli incendi della Grande Guerra. Occorreva dare risposte, ma quali sarebbero state all’altezza? La risposta fu totalmente controcorrente, totalmente innovativa: la cultura. La risposta fu la formazione,  l’educazione ecco come germogliarono il Toniolo e l’Università. Oggi, alla luce del dramma che ci è accaduto, quell’insegnamento torna a vibrare per investire tutta la nostra ansia di ripartenza e ripresa.  Pensare alla cultura non è altro che pensare alla vita, oggi come un secolo fa, sospinti dalla stessa urgenza di contribuire alla costruzione del bene comune.  La Giornata per l’Università cattolica che si celebra il 20 settembre è stata intitolata: “Alleati per il futuro”.

Domenica 20 settembre: Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Le offerte che verranno deposte nella bussola, all’ingresso della Chiesa, saranno consegnate secondo questa intenzione.

Beata Vergine Maria Addolorata

Spesso una madre, addolorata per la sofferenza del figlio, soffre più del figlio stesso. È questo l’effetto dell’amore: di assumere in sé il dolore altrui e far sì che, con l’aumento del dolore, più dell’altro soffra colui che lo compatisce, al punto che spesso desidera soffrire lui solo, affinché l’altro non soffra. Nella sofferenza della compassione, l’anima di chi partecipa è divisa in qualche modo da se stessa e in se stessa.  Poiché quando soffre una persona amata, per associarsi al suo dolore, l’anima le si dona ed esce da sé spinta dalla compassione, per unirsi a lei e soffrire al suo posto. E, in certo modo, mostra di appartenere a  colui con il quale si è compenetrata per il sentimento di compassione, come se vivesse in quello di cui sente il tormento.  Perciò il vecchio Simeone, profetizzando di Cristo, disse: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione»; e subito, rivolgendosi alla Beata Vergine, aggiunse: «E anche a te una spada trafiggerà l’anima» (Lc 2,34.35); cioè: la tua anima, quasi fosse la sua, sarà trafitta da una spada. Si può anche intendere così: la tua stessa anima, cioè la tua propria anima sarà trafitta da una spada. Infatti la Madre di Dio, che sapeva amare più di tutti, come anche più di tutti era amata, soffriva con il  Figlio morente come fosse lei stessa a soffrire. Il suo dolore era proporzionato al suo amore. Amando il Figlio più di se stessa, portò nel cuore con un intimo dolore tutte le ferite che erano inferte al corpo del Figlio. Il suo martirio fu la passione di Cristo. La carne di Cristo era in certo senso la carne sua, cioè carne della sua carne, e dopo che il Cristo l’ebbe assunta da lei, essa la amò in Cristo, più della propria in sé. Quanto più amò, tanto più soffrì. Patì nel cuore più di quanto un martire soffra nel corpo, perciò risplende per il singolare privilegio del glorioso martirio. Gli altri martiri sono giunti alla perfezione col martirio della propria morte; lei offrì alla passione la carne della sua carne per la salvezza del mondo, e nella passione e per la passione di Cristo la sua anima fu così invasa dalla violenza del dolore che, come consumata nello stesso martirio col Cristo, si può credere che abbia meritato la più alta gloria dei martiri, dopo Cristo.

Festa dell’Esaltazione della Croce

Dunque, la celebrazione dell’Esaltazione della Croce assume anche un significato ben più grande di quello prettamente storico: è la celebrazione del mistero della croce che Cristo, da strumento di ignominia e di supplizio, ha trasformato in strumento di salvezza. La formulazione più profonda di questo mistero si ha dalla lettera di Paolo ai Filippesi: «Cristo umiliò se stesso fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio lo ha esaltato e gli ha dato un nome che è al disopra di ogni altro nome». Così pure Giovanni, nel suo Vangelo, ci dà una lettura preziosa del mistero della croce, quella dell’amore di Dio: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in Lui non muoia, ma abbia la vita eterna».

La glorificazione di Cristo passa attraverso il supplizio della croce e l’antitesi sofferenza-glorificazione diventa fondamentale nella storia della Redenzione. Cristo si sottomette volontariamente alla condizione umiliante di schiavo e questo supplizio infamante viene tramutato in gloria eterna. Così la croce diventa il simbolo e il compendio della religione cristiana. La stessa evangelizzazione, operata dagli apostoli, è presentazione di Cristo crocifisso. S. Paolo afferma: «Predico Cristo e Cristo crocifisso», «Di null’altro mi vanto, se non della croce di Cristo». Anche noi possiamo pregare con la liturgia: «Di null’altro ci glorieremo se non della croce di Cristo Gesù, nostro Signore: Egli è la nostra salvezza, vita e resurrezione. Per mezzo di Lui siamo stati salvati e liberati». Ecco la nostra fede, ecco la nostra salvezza! Per questo ogni nostra preghiera, ogni nostra azione, inizia con il segno della croce. Esso ci aiuta a ricordare, a celebrare, ad accogliere, a vivere l’amore infinito di Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, come ci è dimostrato da Gesù sulla croce. Nella croce si trova il senso vero della vita di ciascuno e della storia del mondo. Per questo è il segno più grande della speranza. Diventa allora il segno e la forza della testimonianza cristiana che la Chiesa intera è chiamata a offrire al mondo in ogni epoca della storia. Ogni croce o sofferenza che noi stessi viviamo e che l’umanità intera vive sono la partecipazione alla croce di Cristo per la salvezza del mondo. Dice S. Paolo: «Do compimento a ciò, che dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa» (Col 1,24). Ciò che è stoltezza, diventa sapienza; ciò che è considerato disgrazia diventa grazia e benedizione. Celebriamo, quindi, la gloria di Dio Padre, la nostra liberazione e tutto quel grandioso evento salvifico che noi chiamiamo redenzione, salvezza, riscatto. Tutto questo ci infonde speranza, luce e forza: anche noi indissolubilmente legati alla croce, alla sofferenza, veniamo esaltati perché redenti, perché anche noi siamo candidati alla risurrezione con Cristo.

È quantomeno strano parlare della croce in termini di “esaltazione”: come si può esaltare lo strumento di tortura più spietato che la mente umana abbia saputo concepire? Solo un serial killer lo farebbe. E chi può esaltarsi parlando di croce? Un mitomane? Un autolesionista? La Chiesa ogni anno celebra la croce, non per quanto umanamente parlando essa rappresenta, ma per quanto divinamente parlando essa è. L’uomo l’ha concepita come la sintesi del dolore del mondo mentre Dio l’ha trasformata in ricapitolazione del suo amore per il mondo.

Il volto di Dio sui sofferenti e sui gioiosi

Il volto di Dio mostra vari lineamenti amorevoli che la rivelazione biblica trasmette e che sono espressione tangibile di quanto la capacità che ha l’uomo di amare sia strettamente legata all’amore di Dio creatore.

La carità, infatti, consente il reciproco scambio di amore benevolo tra Dio e l’uomo e dell’uomo con l’altro uomo. Quando l’uomo si apre alla grazia di Dio, all’abbondanza che si riceve dalla carità, impara a saper scorgere dietro ogni volto umano il volto di Dio e allora lo trova realmente. Cristo, infatti, si è identificato con l’uomo, soprattutto quando questi porta i segni della sua passione. Ma Dio non è soltanto nel povero e nel sofferente: è in tutti quelli che ci sono accanto e che condividono il nostro quotidiano, anche quelli che sono nella gioia, perché l’amore ama l’altro per se stesso, per quello che è, non per la sua condizione, ma per il fatto che esiste e che porta in sé l’alito di Dio, la vita che gli è stata donata da Dio stesso.

Solo l’amore rende capace di amare

Amare Dio vuol dire consacrare a lui tutti gli affetti, tutti i pensieri, tutte le forze e tutta l’anima, perché tutte le azioni abbiano per motivo e fine l’amore di lui. “Ascolta Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze” (Dt 6,4).

Ogni atto moralmente positivo è però anche un atto d’amore che fa uscire da se stessi e fa congiungere con l’amato: “Mi alzerò e farò il giro della città per le strade e per le piazze; voglio cercare l’amore dell’anima mia” (Cantico dei Cantici 3,2). Chi ama Dio è unito a lui e lo conosce in modo nuovo.

L’amore di cui è capace l’uomo nasce da un amore che lo precede perché gli è stato donato. Nel cammino verso la carità, dunque, emerge sempre più la contemplazione di un volto: quello di Dio.

I peccati contro la Carità

Ogni peccato mortale distrugge la Carità. I peccati contro di essa si distinguono molto facilmente.

La maldicenza: maledire il fratello con parole e gesti. Una parola può edificare la vita dell’altro, può risanare un’anima, oppure ucciderla con malvagità e disprezzo.

La calunnia: dire il falso riguardo ad un’altra persona, accusandola per cose di cui non ha colpa. Il rancore: portare rabbia nel proprio cuore verso qualcuno per litigi, per invidie o cupidigia.

I giudizi: condannare l’altro senza conoscere che cosa ci sia nel suo cuore, considerando che il cuore di ogni singola persona lo conosce solo Dio. L’unico giudizio che l’uomo può dare è legato a tutte quelle condizioni in cui l’essere insieme è oggettivamente deviato, leso e disonorato da determinate situazioni che impediscono di vivere la carità fraterna.

L’odio: il peccato più orribile, la negazione del bene, dell’amore, delle belle opere, del perdono.