Il “logo” di questa domenica

Il Logo della Domenica dalla Parola di Dio si ispira al passo evangelico dei discepoli di Èmmaus e mette in evidenzia il tema del rapporto tra i viaggiatori, espresso in sguardi, gesti e parole. Gesù appare come colui che «si avvicina e cammina con» l’umanità, «stando in mezzo» .
In lui «non c’è Giudeo né Greco; non c’è schiavo né libero; non c’è maschio e femmina, perché tutti siamo uno». Camminando tra i suoi, egli ne rinvigorisce i passi, additando gli orizzonti dell’evangelizzazione raffigurati nel logo dalla stella: «Egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome e le conduce fuori.
E quando ha spinto fuori le pecore, cammina davanti ad esse ed esse lo seguono perché conoscono la sua voce».

Le sue parole sono un tutt’uno con quelle racchiuse nel rotolo che tiene tra le mani: «Chi è degno di aprire il rotolo e di scioglierne i sigilli». Se i due discepoli sono smarriti di fronte ai misteri della storia,
subito vengono rassicurati: «Non piangete; ha vinto il leone della tribù di Giuda, il Germoglio di Davide, e aprirà il rotolo e i suoi sette sigilli». «E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui» . La familiarità con la Parola di Dio nasce della relazione, dalla ricerca, nelle Sacre pagine, del volto di Dio. La Scrittura non ci porge concetti ma esperienze, non ci immerge solo in un testo, ma ci apre anche all’incontro con il Verbo della vita, decisivo «per insegnare, convincere,
correggere ed educare nella giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona». Sullo sfondo una grande luce: c’è chi vede un solo al tramonto; a noi piace cogliere il «sole che sorge» e che, nel Risorto, annuncia l’alba di una nuova missione destinata a tutti i popoli: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo ad ogni creatura».

“Tenendo alta la Parola di Dio” (Fil 2,16)

L’espressione biblica con la quale quest’anno si intende celebrare la Domenica della Parola di Dio è tratta dalla Lettera ai Filippesi. Come si deduce da alcuni riferimenti, l’apostolo scrive la lettera dalla prigionia. Rappresenta certamente uno dei testi più importanti che la Chiesa tiene tra le sue mani. Il brano cristologico con il quale Paolo evidenzia l’abbassamento compiuto dal Figlio di Dio nel farsi uomo permane nel corso di tutta la nostra storia come un punto di riferimento di non ritorno per comprendere il mistero dell’incarnazione.

La liturgia non ha mai cessato di pregare con questo testo. La teologia ne ha fatto uno dei contenuti principali per l’intelligenza della fede. La testimonianza cristiana ha trovato in queste parole il fondamento per costruire il servizio pieno della carità. La lettera mentre esprime i contenuti essenziale della predicazione dell’apostolo, mostra anche quanto sia necessario per la comunità cristiana crescere nella conoscenza del Vangelo. Con il nostro versetto, l’apostolo intende offrire un insegnamento importante alla comunità cristiana per indicarle in quale modo è chiamata a vivere in mezzo al mondo. Richiama anzitutto all’importanza che i cristiani sono tenuti a dare al loro impegno per la salvezza, proprio in forza dell’evento realizzato dal farsi uomo da parte del Figlio di Dio e dall’essersi offerto alla violenza della morte in croce: «Con timore e tremore lavorate alla vostra salvezza» (Fil 2,12).

Nessun cristiano può pensare di vivere nel mondo prescindendo da questo evento di amore che ha trasformato la sua vita e l’intera storia. Certo, Paolo non dimentica che per quanto impegno i cristiani possano mettere nel raggiungere la salvezza, permane sempre il primato dell’azione di Dio: «È Dio che suscita tra voi il volere e l’agire in vista dei suoi amabili disegni». L’insieme di questi due elementi permette di comprendere le parole impegnative che l’apostolo dedica ora ai cristiani di Filippi avendo dinanzi agli  occhi i credenti che nel corso dei secoli saranno discepoli del Signore. Il primo impegno che i credenti  sono tenuti a fare proprio è la coerenza di vita. Il richiamo a essere “irreprensibili” e “integerrimi” in mezzo a un mondo dove predomina spesso la falsità e la furbizia, rimanda alla parola di Gesù quando   invitava i suoi discepoli: «Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe». Perché questo si possa realizzare, Paolo indica la strada da perseguire: i cristiani hanno l’esigenza di rimanere fedeli e uniti alla Parola di Dio. «Tenendo alta la parola di vita» i discepoli di Cristo «brillano come astri nell’universo». È una bella immagine quella che l’apostolo offre oggi anche a tutti noi. Viviamo un momento drammatico. L’umanità pensava di avere  raggiunto le più solide certezze della scienza e le soluzioni di un’economia per garantire sicurezza di vita. Oggi è costretta a verificare che nessuna delle due le garantisce il futuro. Emerge in maniera forte il disorientamento e la sfiducia a causa dell’incertezza sopraggiunta in maniera inaspettata. I discepoli di Cristo hanno la responsabilità anche in questo frangente di pronunciare una parola di speranza. Lo possono realizzare nella misura in cui rimangono saldamente ancorati alla Parola di Dio che genera vita e si presenta come carica di senso per l’esistenza personale. Forse, l’interpretazione più autorevole di questo versetto può essere quella di Vittorino. Il grande retore romano di cui Agostino descrive nelle Confessioni la conversione, scriveva nel suo Commento ai Filippesi: «Io mi glorio in voi perché possedete la parola di vita, cioè perché conoscete Cristo, che è la Parola di vita, perché quello che è fatto in Cristo è vita. Quindi Cristo è la Parola di vita, da questo percepiamo quanto siano grandi il profitto e la gloria di coloro che reggono le anime degli altri». Nella Domenica della Parola di Dio, riscoprire la responsabilità di operare perché questa Parola cresca nel cuore nei credenti e li animi di gioia per l’evangelizzazione, è un augurio che si fa preghiera.

Rimanendo in Cristo, sorgente di ogni amore cresce il frutto della comunione

La comunione in Cristo richiede la comunione con gli altri. Doroteo di Gaza, un monaco della Palestina del VI secolo, lo esprime con queste parole: “Immaginate un cerchio disegnato per terra, cioè una linea tracciata come un cerchio, con un compasso e un centro. Immaginate che il cerchio sia il mondo, il centro sia Dio e i raggi siano le diverse strade che le persone percorrono. Quando i santi, desiderando avvicinarsi a Dio, camminano verso il centro del cerchio, nella misura in cui penetrano al suo interno, si avvicinano l’un l’altro e più si avvicinano l’uno all’altro più si avvicinano a Dio. Comprendete che la stessa cosa accade al contrario, quando ci allontaniamo da Dio e ci dirigiamo verso l’esterno. Appare chiaro, quindi, che più ci allontaniamo da Dio, più ci allontaniamo gli uni dagli altri e che più ci allontaniamo gli uni dagli altri, più ci allontaniamo da Dio”.

Avvicinarci agli altri, vivere insieme in comunità con altre persone, a volte molto diverse da noi, costituisce una sfida. Non vi è amicizia senza sofferenza purificatrice, non vi è amore per il prossimo senza la croce. Solo la croce ci permette di conoscere l’imperscrutabile profondità dell’amore”. Le divisioni tra i cristiani, il loro allontanamento gli uni dagli altri, è uno scandalo perché significa anche allontanarsi ancor di più da Dio. Molti cristiani, mossi dal dolore per questa situazione, pregano ferventemente Dio per il ristabilimento dell’unità per la quale Gesù ha pregato. La sua preghiera per l’unità è un invito a tornare a lui e, conseguentemente, a riavvicinarci gli uni gli altri, rallegrandoci della nostra diversità.

Come impariamo dalla vita comunitaria, gli sforzi per la riconciliazione costano e richiedono sacrifici. Siamo sostenuti, però, dalla preghiera di Cristo che desidera che noi siamo una cosa sola, come lui è con il Padre, perché il mondo creda.

Rimanere in Cristo per produrre frutto

“La gloria del Padre mio risplende quando voi portate molto frutto” (Gv 15, 8). Non possiamo portare frutti da noi stessi. Non possiamo produrre frutto separati dalla vigna. È la linfa, la vita di Gesù che scorre in noi, che produce frutto. Rimanere nell’amore di Gesù, rimanere un tralcio della vite, è ciò che permette alla sua vita di scorrere in noi. Quando ascoltiamo Gesù, la sua vita scorre in noi; Egli ci invita a lasciare che la sua parola dimori in noi e allora qualsiasi nostra richiesta sarà esaudita. Per la sua parola portiamo frutto. Come persone, come comunità, come Chiesa desideriamo unirci a Cristo per il conservare il suo comandamento di amarci gli uni gli altri come lui ci ha amati.

Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto

(cfr. Gv 15,5-9)

Gesù disse ai suoi discepoli: “Rimanete nel mio amore”. Egli rimane nell’amore del Padre e non desidera altro che condividere questo amore con noi: “Vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto sapere tutto quel che ho udito dal Padre mio”. Innestati nella vite, che è Gesù stesso, il Padre diviene il vignaiolo che ci pota per farci crescere. È la descrizione di quanto avviene nella preghiera: il Padre è il centro della nostra vita, Colui che ci ricentra, ci pota e ci rende un tutt’uno, e un’umanità resa tutt’uno rende gloria al Padre. Rimanere in Cristo è un atteggiamento interiore che mette radici in noi nel tempo, che richiede uno spazio per crescere e che può essere sopraffatto dalla quotidiana lotta per le necessità della vita, e minacciato dalle distrazioni, dal rumore, dalle troppe attività e dalle sfide della vita.

Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto

(cfr. Gv 15,5-9)

Anche quest’anno, dal 18 al 25 gennaio, si celebra la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani.                   Si tratta di un tempo di grazia nel quale le diverse  Confessioni cristiane pregano per realizzare l’unità voluta da Cristo per la sua Chiesa e riflettono sui passi di riconciliazione compiuti finora, rinnovando la consapevolezza di essere tutte in cammino verso Cristo, “via, verità e vita”. Il Cristo, infatti, è l’unica “Vite” dalla quale traggono forza e nutrimento i numerosi tralci ed è proprio questa immagine evangelica che ha ispirato il tema guida dell’edizione 2021 della Settimana di preghiera: «Rimanete nel mio  amore: produrrete molto frutto» (Gv 15, 5-9). I frutti del dialogo tra le Confessioni hanno portato a ripensare nel corso della sua storia secolare questo appuntamento spirituale, inizialmente noto, fin dalla sua origine nel 1908, come Ottavario di preghiera per l’unità dei cristiani, affinché fosse sempre più occasione ed espressione del cammino comune verso l’unità. Il Sussidio è stato redatto dalla Comunità Monastica femminile di Granchamp, nata in Svizzera negli anni Trenta del secolo scorso da un gruppo di donne di tradizione riformata e che oggi conta una cinquantina di membri, tutte diverse per età, provenienza e tradizione ecclesiale. Le caratteristiche costitutive di questa Comunità – preghiera, vita comunitaria e ospitalità – sono la base delle riflessioni che proposte per la Settimana di preghiera di quest’anno, offrono una chiave di lettura originale ed ecumenicamente condivisa del sofferto e  complicato momento storico che stiamo attraversando e che coinvolge direttamente tutte le Confessioni cristiane. La preghiera, infatti, che ritma la vita monastica è mezzo e segno dell’unità, illumina la vita comunitaria e apre all’ospitalità. L’ascolto della Parola di Dio apre alla comunione d’intenti tra le Confessioni cristiane, getta luce sulle relazioni umane, facendo desiderare «di conservare il suo comandamento di amarci gli uni gli altri come lui ci ha amati». Ma quanto accade tra le mura del monastero diviene via e possibilità per tutti i discepoli di Cristo.

Venite, saliamo al monte del Signore

La vicenda umana sta tentando di distruggere il tempio, di fare a meno della sua elevazione a Dio, di costruirsi cioè un tempo vuoto di Dio, senza Dio e talora anche chiaramente determinato contro ogni ipotesi di Dio, contro ogni ritorno a Dio. Ma questa vicenda umana fatta di tempo senza Dio è una vicenda che non può procedere. La rinuncia al tempio è per l’uomo la rinuncia a vivere, è il tempo della vita sconsacrato; è un tempo che inutilmente si vive. Sarebbe opportuno un ritorno con  le proprie speranze e attese, i propri desideri, sogni e progetti, al senso sacrale e profondo della vita. Senza Dio non ha senso vivere, non ha senso desiderare la verità, desiderare la felicità, desiderare la giustizia. Non ha senso nulla.

Il nostro tempo deve essere nuovamente consacrato al Signore, per salire all’origine di tutto e al senso di tutto, che rimane Dio solo.

La vita non consacrata in Cristo perde rapidamente il suo senso. Soltanto la vita consacrata in Cristo diventa capace di produrre la persona giusta, il tempo della pace, l’èra della giustizia, la speranza nella bontà. Ecco il nostro camminare verso il monte di Dio: stiamo riconsacrando la vostra vita, fedeli al tempo di Dio

Una comunità cristiana innamorata del cielo

Potremmo vivere questo periodo, della pandemia, come una ripartenza per conoscere meglio Gesù Cristo. Quanti desideri legittimi o prospettive auspicabili nella vita odierna, frammenti che potremmo far diventare il tutto. Certamente appartengono alla totalità della nostra vita: ma noi siamo, come ogni essere umano, una domanda totale, ricercatori del senso ultimo di tutto. Assolutizzare un frammento, gonfiare un particolare è creare degli insoddisfatti. “Cerco il tuo volto, Signore!”. Cerchiamo insieme, come comunità cristiana, Colui, unico e grandioso, che è al fondo delle cose più belle e più buone. Dove e come trovarlo?

Non sottovalutiamo, non accantoniamo immediatamente le proposte di vita cristiana che ci vengono “offerte”. Non sono altro che opportunità che danno possibilità alla voglia di immenso che abbiamo nel cuore; per la voglia di verità, non di cose o di quantità, per la voglia di sapere che esiste nella nostra mente. Riporto una poesia di un  poeta russo, morto nel 1984 a 58 anni: era in campo di concentramento da quando ne aveva 21. Ha scritto poesie incidendole con un chiodo arrugginito sui sacchi del cemento fatti a pezzi, perché il potere non gli dava neanche la carta e la penna per scrivere. Il poeta è Valentin Sokolov: “Tutti vogliono una cosa sola: strapparti la bandiera. Ti convincono che non devi combattere, tanto c’è sempre da fare, tanto: a letto, a teatro, in cucina, sull’amaca, al ristorante, nel calduccio di casa tua. E, poi, a loro sei utile per ingrossare il numero, per nascondere quel Dio che sentono e temono: a letto, a teatro, in cucina, sull’amaca, al ristorante, nel calduccio di casa tua. Ma quando in faccia gli getti il tuo scherno e libero te ne vai e bello e forte, come potranno sapere a letto, a teatro, in cucina che vi sono ancora degli uomini innamorati del cielo?”.

Noi desideriamo appartenere alla generazione degli uomini che cercano Dio. Desideriamo appartenere alla generazione degli uomini a cui non bastano le cose, ma vogliono il senso delle cose. Mi augurio che nella comunità cristiana possiate trovare l’opportunità di incontrare Gesù Cristo, quale risposta alle domande. La parrocchia ne parla come della grande presenza nella vita ordinaria e quotidiana, perché in Lui abbiamo trovato risposta alla voglia di immenso.

Proviamo a fare un passo in avanti per cercare di definire meglio questo desiderio. Dio entra nel discorso umano come una parola, ma poi diventa una presenza, una compagnia. Quanto viene proposto non vuole essere una verità astratta: la voglia di immenso, è la voglia di un “tu”, di un’amicizia, di uno che sta dinanzi alla nostra grandezza e alla nostra povertà; di uno che ci prende come siamo, con il grande desiderio di vita che abbiamo dentro.

La liturgia è una danza

In questo periodo ci si è sentiti un po’ privati delle feste che forse eravamo abituati a fare con tante persone, con familiari, con amici. Però, nell’ambito della nostra fede, non siamo stati privati delle feste cristiane. Dopo le festività natalizie mi viene spontaneo rivolgere questo invito a tutta la nostra comunità parrocchiale: recuperiamo il senso cristiano della festa.

Vorrei proporvi, non imporvi, quello che ritengo sia la vera festa cristiana di cui tutti noi, nel proprio della nostra scelta religiosa, siamo i veri esperti: la liturgia. Le nostre celebrazioni dovrebbero avere l’abito della festa. In questo clima riusciamo a vivere o riscoprire la ricchezza che ci è data dalla liturgia: essa è una danza! A volte in essa si piange, si deve infatti anche piangere nella liturgia e a volte si loda con gioia, ma sempre c’è festa. Diventa necessario che insieme ci impegniamo non per cercare soluzioni alternative, ma per rendere al meglio quello che di meglio già abbiamo: le nostre liturgie siano festose e la nostra vita sia una danza, cioè una liturgia. Sono così numerosi i cristiani dal volto chiuso, teso, scavato dalla tristezza che opprime e separa dagli altri!

Guardiamo la Chiesa di Cristo che ha organizzato e organizza feste da sempre attorno alla famosa tavola che le ha trasmesso il suo caro Signore. È la divina liturgia, a volte una finestra del cielo, con i suoi canti, le sue danze, la sua musica e i suoi fiori, il suo incenso e i suoi ceri. Disprezzarla o sottovalutarla sarebbe negazione pura e semplice della natura umana e del fatto dell’Incarnazione di Dio. A tutti coloro che affaticano a vivere la liturgia cristiana auguro di incontrare spesso dei volti di festa di persone che non solo hanno assistito a delle liturgie, ma che ne sono stati talmente coinvolti da trasmetterne la gioia e il canto di lode. Ci auguriamo di ritrovate il gusto delle celebrazioni liturgiche, in modo particolare dell’Eucaristia, e vivere, sempre più numerosi, la bellezza della festa cristiana.

Il Monte della scelta

1 Alzo gli occhi verso i monti: da dove mi verrà l’aiuto?

Salmo 121

Continua la scalata della nostra comunità parrocchiale, in questo anno pastorale, sui Monti di Dio. Dopo essere saliti su quelli dell’Antico Testamento, il primo mese di questo nuovo anno iniziamo con quelli del Nuovo Testamento. Saranno i monti di Gesù che affronteremo fino al termine di questo anno pastorale.

Iniziamo con il  Monte della Scelta.

Mare, deserto e monte sono luoghi dell’attività di Gesù che ricordano l’esodo. La sinagoga e la casa ricordano la terra promessa. Gesù è salito per primo sul monte e da lì chiama. È la seconda chiamata, dopo quella del lago mentre i primi apostoli erano intenti a riassettare le reti dopo la pesca. “E fece dodici per essere con lui e per inviarli”. I Dodici sono la “piccola barca” dove il Signore è toccato e non schiacciato; sono la sua vera famiglia, che siede in cerchio attorno a Lui per ascoltare la parola e ricevere la rivelazione del mistero del Regno. Essi sono fatti espressamente per “essere con Lui”, il Figlio. Questa è la realizzazione dell’uomo che con Lui è se stesso. Solo così è vinta quella solitudine abissale che gli è costitutiva: fatto per Dio, solo con Lui colma il suo bisogno essenziale di relazione e di compagnia. Da qui scaturisce la missione. Infatti chi è unito a Lui impara a conoscere il cuore del Padre, e si offre con gioia ad andare presso chi ancora non  lo conosce, perché la sua casa sia piena e non lo è fino a che manca un suo fratello. Questa seconda chiamata è più profonda e spiega perché lo si segue. Ora la sequela diviene unione e intimità con Lui, dove si raggiunge la propria identità di figli. Il discepolo la conosce, e non può non portarla a tutti i fratelli. Questa seconda chiamata ci fa vedere l’essenza della Chiesa. Fatta per essere con Gesù ed essere inviata ai fratelli, ha Lui come unico centro, ed è un cerchio che si estende a tutti. Senza una di queste due dimensioni, delle quali una è particolare e personale, l’altra universale e comunitaria, decade dalla sua natura Gli apostoli l’avevano capito  molto bene. Fin dall’inizio, per tener sempre a disposizione questa piccola barca, dove Lui sta con i suoi e si muove verso gli altri, illuminati dallo Spirito, scelsero di tenersi sempre a disposizione della preghiera (= essere con Lui) e del servizio della Parola ( = essere inviati).

Gesù è l’Emmanuele, il Dio che è venuto per essere con noi, perché noi possiamo essere con Lui. Con Lui irradiazione della gloria di Dio e impronta della sua sostanza, l’uomo torna a riflettere l’immagine e la somiglianza della propria realtà, dalla quale si era allontanato per il peccato. Lui è il centro di gravità del nostro cuore, il polo di ogni nostro desiderio, il luogo naturale della nostra vita. Il discepolo fa parte di una comunità, incentrata non su se stessa, bensì su Gesù, che la apre sempre verso tutti È una persona libera, membro di un popolo in cui ciascuno è riscattato dalla morte, perché è con Colui che è. La prima chiamata fu a seguirlo, lasciando le reti; la seconda pone un salto di qualità: stare con Lui in intimità e amicizia. L’opera del Padre è attirarci al Figlio, per metterci con Lui, in sua compagnia, e inviarci così ai fratelli, perché tutti lo conoscano e lo amino. La lista dei Dodici si chiude con colui che lo tradì. Quest’unione è sempre insidiata dal divisore, che vede in ciò la sua sconfitta.