Domenica della Divina Misericordia

Domenica “in Albis”

Questa domenica – seconda domenica di Pasqua o Domenica in albis, cioè in cui si deponevano le vesti bianche del battesimo celebrato nella veglia pasquale – è diventata anche la domenica della divina misericordia, per iniziativa di s. Giovanni Paolo II nel 2000, con riferimento a s. Faustina Kowalska. I discepoli erano scappati, il loro leader, Pietro, aveva rinnegato il Maestro, quasi tutti l’avevano abbandonato: che cosa di meno affidabile di quel gruppo allo sbando? E tuttavia Gesù viene e offre il suo perdono. Lo offre in particolare a Tommaso, che non riusciva ad aprirsi alla fede nella risurrezione. Gesù Cristo è il volto della misericordia del Padre. Il mistero delle fede cristiana sembra trovare in questa parola la sua sintesi. Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia: è la via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre.

Pasqua del Signore

Tanti modi per dire Pasqua

Perché i discepoli dissero: “Abbiamo visto il Signore”. E chiamarlo il Signore significa che Egli è il fondamento, lo scopo e il destino dell’uomo, del mondo e della storia. Nella sua Risurrezione, Gesù Cristo rivive in maniera piena, e vive tutto per Dio e per gli uomini; e questa è la vita che Gesù comunica ai suoi. Lui è la salvezza presente e futura nella sua pienezza, perché Egli è il Signore.

Pasqua di gloria

Tanti modi per dire Pasqua

Poiché “era necessario che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria”. Anche se le nostre lotte si riducono molto spesso al fallimento, anche se i nostri sogni non si realizzano, anche se i nostri sacrifici sembrano sterili, possiamo gridare che la morte non è la fine assoluta della vita; ciò che abbiamo seminato con fatica e amore nella nostra vita diventerà Pasqua di gloria.

Pasqua di risurrezione

Tanti modi per dire Pasqua

Quando noi confessiamo Cristo risorto non diciamo semplicemente che la sua tomba fu trovata vuota, ma che Egli vive per darci la vita. Quando ogni prova si trasforma in grazia, ogni tristezza e sofferenza in gioia, ogni peccato in perdono, quando ci liberiamo da ogni schiavitù e passiamo anche noi dalla morte alla vita, è la Pasqua di risurrezione.

Ecco il giorno che ha fatto il Signore! Rallegriamoci

È il grido di gioia della Pasqua. È il grido di gioia della nostra comunità cristiana che insieme ha percorso il cammino quaresimale per ora esultare all’unisono in questo giorno. È il giorno della speranza.
Se nella vita odierna si sono rimpicciolite le speranze tanto da ridursi di giorno in giorno di fronte alla pandemia, ora è il momento di rinvigorire il nostro cuore, il nostro coraggio, le nostre passioni.
È l’annuncio di un Dio vivo e vicino, che ci chiama ad una profonda comunione con Lui e di conseguenza ci apre ad una speranza certa. Che cosa significa per la nostra comunità cristiana celebrare insieme la Pasqua del Signore, quali conseguenze?
La vita umana, dono prezioso di Dio, è sana e inviolabile. Sì, questa vita è, nonostante il travaglio dell’ora presente, nonostante i suoi lati oscuri, le sue sofferenze, la sua fatale caducità, un fatto bellissimo, un prodigio sempre originale e commovente, un avvenimento degno di essere cantato in gaudio e in gloria. Ritorniamo a correre, se non troppo lontano perché limitati dalle attuali restrizioni, almeno con il cuore, con la mente e con l’animo. Chi crede non può non sentire su di sé il peso della sofferenza, dei dolori, delle incertezze, delle paure, ma in lui prevale la forza dell’annuncio pasquale. Oggi la nostra comunità parrocchiale si apre all’annuncio del Risorto, perché nel nostro paese rifiorisca la speranza, la gioia, la comprensione, la condivisione.
O Padre, tu che sei il Padre della vita, donaci di vivere la gioia profonda della Risurrezione, di nutrirci di quella speranza che cambia il nostro modo di guardare fin da ora la nostra esistenza e il nostro modo di guardare e valutare la storia dell’umanità.
Maria, Madre di Gesù, che per prima hai visto tuo Figlio risorto, fa di noi dei testimoni della gioia e della speranza. È il mio augurio a tutti voi.

Ascensione del Signore

Per 40 giorni il Risorto ha accompagnato, mediante le apparizioni, il cammino della comunità dei suoi discepoli, nella piena comprensione del suo mistero pasquale. Terminati i 40 giorni è giunto il momento per Gesù, il glorificato, di assumere in pienezza la nuova modalità di presenza e di azione, al modo di Dio. L’Ascensione non è l’allontanamento e l’inizio dell’assenza di Gesù da questo mondo ma, al contrario, l’azione di una presenza più intima e più diffusa: quella che realizza mediante le comunità cristiane. “Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro …”.

Dentro questo invito c’è un chiaro avvertimento perché non ci lasciamo tentare di viverlo come uno sforzo personale.

Il verbo caratteristico di questo evento è: “andate”. “Andare” significa “vivere con”, calarsi nelle varie situazioni, abbandonare i ripari rassicuranti, smetterla  di “stare tra noi”, frequentare i luoghi dell’assenza, rischiando una parola insolita, tentando di seminare germi di inquietudine, risvegliare un’attesa, mettere dentro la nostalgia di qualcos’altro. Oggi i discepoli vengono assunti come collaboratori e come prolungamento della missione di Gesù stesso. La comunità cristiana è chiamata, così, ad essere la Corporeità del Signore Gesù: il luogo dove egli si esprime, comunica e agisce. Non è la buona volontà di alcuni, ma la consapevolezza di aver ricevuti un mandato, di obbedire ad un ordine. Siamo mandati ad essere “Cristo” lungo le nostre strade, le strade di questo mondo. Viviamo in una situazione in cui non siamo chiamati a portare il primo annuncio, ma a risvegliare l’entusiasmo, la consapevolezza di un messaggio e di una persona già arrivata, ma per varie, tante e complesse circostanze, non compreso nel suo pieno significato. Lavoriamo con coraggio, entusiasmo e nella piena consapevolezza della presenza di Colui che è la ragione del nostro essere, esistere ed operare.

Don Giuseppe

S. Messa ore 10.30 in streaming

VI Domenica di Pasqua

Segui la celebrazione della Messa nella nostra chiesa parrocchiale in diretta streaming e partecipa scaricando le letture. Sarà possibile seguire la messa in streaming anche nelle prossime domeniche.

Segui la diretta Facebook (per una migliore visione delle immagini consigliamo la partecipazione sulla nostra pagina Facebook)

oppure

puoi seguire tutte le dirette streaming sul canale YouTube


Segui la diretta streaming della Messa della VI Domenica di Pasqua

Santa Messa ore 10.30 in diretta streaming

Segui la celebrazione della Messa nella nostra chiesa parrocchiale in diretta streaming e partecipa scaricando le letture.

Segui la diretta Facebook (per una migliore visione delle immagini consigliamo la partecipazione sulla nostra pagina Facebook)

oppure


Segui la diretta streaming della S. Messa della V Domenica di Pasqua


Puoi seguire tutte le dirette streaming sul canale YouTube

La consolazione

La consolazione, quella vera, è qualcosa di cui sperimentiamo la necessità allorché ci troviamo in situazioni particolari e talvolta drammatiche, quando il dolore bussa alla nostra porta, anzi entra di prepotenza, senza fare troppi complimenti. Una beatitudine evangelica suona così: “Beati quelli che sono nel pianto perché essi saranno consolati” (Mt 5,4). Gesù, durante il pasto d’addio, assicura: “Io pregherò il Padre, ed egli vi darà un altro Consolatore (lett: Paraclito) perché rimanga con voi per sempre …”.

Gesù ha fatto delle esperienze mentre stava sulla terra. Ha osservato, si è reso conto, ha provato direttamente. Ora, il primo dato ricavato da tale esperienza è questo: l’uomo non può vivere senza un consolatore. Cristo si mostra preoccupato per il futuro dei propri amici. Non vuole che soffrano la solitudine, si sentano abbandonati, si dibattano nello sconforto. Perciò, dopo essere rimasto in mezzo a noi assicurando la sua presenza “di consolazione”, promette che, non appena farà ritorno al Padre, gli presenterà la lista delle cose più urgenti di cui abbiamo bisogno. Sarà una specie di “rapporto” (rapporto sulle nostre povertà), e verrà stilato non sulla base delle nostre richieste (di certe necessità non ci rendiamo neppure conto), ma verrà ricavato dalla sua esperienza personale. “Ho atteso compassione, ma invano, consolatori, ma non ne ho trovati” (Sal 69,21). Con la sua preghiera, Cristo intende risparmiarci questa prova, che ai suoi occhi appare disumana. Non può, ovviamente, dispensarci dalla sofferenza, dalla croce. Ma chiede al Padre che l’esperienza amara del dolore sia sempre accompagnata dall’esperienza della consolazione. Comunque, secondo Gesù, risulta impossibile vivere sulla terra senza una presenza consolatrice. Morire nella fede è facile e difficile al tempo stesso. Ma morire nell’abbandono è atroce. Consolazione, dunque, come espressione di speranza, come antidoto contro la disperazione, lo sconforto, lo smarrimento.

Stabiliamo un principio basilare: è in grado di consolare gli altri solo chi, essendo stato provato, ha avvertito il bisogno della consolazione e l’ha avuta. Paolo riferisce la propria esperienza personale in proposito: “Sia benedetto … Dio di ogni consolazione! Egli ci consola in ogni nostra tribolazione perché possiamo anche noi consolare quelli che si trovano in ogni genere di afflizione con la consolazione con cui noi stessi siamo stati consolati da Dio” (2Cor 1,3-4). Da ciò deriva, per noi, una considerazione sul modo di recare conforto, sullo stile della consolazione, che non è semplicemente questione di parole. Spesso le parole di consolazione appaiono banali, scontate, perfino fastidiose, come quelle degli amici di Giobbe: “Ne ho udite già molte di simile cose! Siete tutti consolatori molesti. Non avran termine le parole campate in aria? … Anch’io sarei capace di parlare come voi, se voi foste al mio posto: vi affogherei con parole” (Gb 16,2-4).

La consolazione è, essenzialmente, una presenza partecipe, discreta, rispettosa. Fatta di silenzio, più che di parole. E se proprio parole ci devono essere, bisogna che queste rivelino, oltre che il coinvolgimento diretto della persona, anche la sua esperienza diretta del dolore, della prova e relativo strazio, turbamento. La consolazione è una presenza che rompe il nostro isolamento, va ad abitare nella solitudine dei fratelli per trasformarla in un luogo di comunione, fa emergere dal vuoto la forza di Dio. Le prove, le sofferenze, gli incidenti di percorso indeboliscono, fiaccano la resistenza, paralizzano, bloccano. Consolare è qualcosa più che lenire un dolore. In linguaggio biblico, consolare significa riabilitare, ricostruire, raddrizzare nella fede, rimettere in piedi, incoraggiare (ossia, ridare cuore). Il linguaggio dell’amore è un linguaggio che conforta, non che abbatte.

Dove arriva la consolazione, deve tirare aria di vita.