Due tesori preziosi nelle mani di questi ragazzi

L’appuntamento alla Prima Confessione e alla Prima Comunione è estremamente importante per questi ragazzi e i loro familiari. Celebreranno il meraviglioso Sacramento del Perdono e la Gioia di essere commensali al banchetto del Signore. Non sarà più semplicemente un esserci alla tavola, ma presenti per “Nutrirsi” del Pane della Vita, del Corpo di Cristo.
Sarà veramente importante per i genitori di questi ragazzi, anche per l’intera Comunità Cristiana, far percepire un atteggiamento molto positivo nei confronti di questi due Sacramenti fin dall’inizio.
Il Sacramento del Perdono ha conseguenze meravigliose in chi lo accoglie: la Riconciliazione con Dio, con la Chiesa, con i fratelli, la pace della coscienza e la gioia interiore, la crescita della forza spirituale.
L’eucaristia, Sacramento che alimenta la nostra vita, è un nutrimento necessario per non far mancare le forze per un cammino di bellezza, di bene, di santità.
Cari ragazzi, fra poco il Signore spezzerà il pane per voi, ciascuno di voi ne riceverà un pezzo, quasi a significare che anche voi sceglierete di spezzare questo pane, cioè, di non tenerlo solo per voi.
La vostra vita se volete realizzarla, viverla pienamente, dovete offrila, condividerla; grazie a questi due giorni memorabili, sarete nella gioia, ma non abbiamo nessun diritto di essere felici da soli.
Vi faccio un bellissimo invito, anche ai vostri genitori: siate generosi, imparate ad essere accoglienti e ospitali, educatevi alla condivisione e alla solidarietà. Voi genitori, assumetevi la responsabilità di sostenere il cammino di fede di questi vostri figli. Accompagnateli, in particolare, a Messa: qui imparano a essere Cristiani e a diventare uomini onesti e puliti. Non nutrite solo il loro corpo e non alimentare solo la loro intelligenza: non defraudatevi della ricchezza spirituale, perché non avvenga che siano ricchi di tutto, ma poveri di Dio e vuoti di coscienza.
Come un tempo, abbastanza lontano, questi ragazzi nell’arco di 24 ore riceveranno questi due Sacramenti. Il cammino, grazie alla volontà dei genitori, è iniziato nel giorno del loro Battesimo. Ora, dopo queste due tappe, riprenderà sulla strada che li porta a Dio, e li fa crescere come uomini di coscienza, di solidarietà. Non abbiano a trovarsi soli, ma trovino tutti noi – comunità cristiana e voi genitori – come testimoni credibili e come simpatici e buoni compagni di viaggio.