Giornata mondiale dei nonni e degli anziani

Gli anziani “ci ricordano che la vecchiaia è un dono e che i nonni sono l’anello di congiunzione tra le diverse generazioni per trasmettere ai giovani l’esperienza di vita e di fede“. Lo ha detto Papa Francesco. “I nonni tante volte- sottolinea- sono dimenticati, non dimentichiamo questa ricchezza, questo trasmettere le radici, e per questo ho deciso di istituire la Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che si terrà in tutta la Chiesa ogni anno la quarta domenica di luglio, in prossimità della ricorrenza dei santi Gioacchino ed Anna, i nonni di Gesù”. Bergoglio conclude: “E’ importante che i nonni incontrino i nipoti e i nipoti si incontrino con i nonni perché – come dice il profeta Gioele – i nonni davanti ai nipoti sogneranno, avranno l’illusione. E i giovani prendendo forza dai nonni andranno avanti, profetizzeranno”.

Il Messaggio suona come un incoraggiamento agli anziani e a nonni. “Non importa – scrive il Papa – quanti anni hai, se lavori ancora oppure no, se sei rimasto solo o hai una famiglia, se sei diventato nonna o nonno da giovane o più in là con gli anni, se sei ancora autonomo o se hai bisogno di essere assistito, perché non esiste un’età per andare in pensione dal compito di annunciare il Vangelo, dal compito di trasmettere le tradizioni ai nipoti. C’è bisogno di mettersi in cammino e, soprattutto, di uscire da sé stessi per intraprendere qualcosa di nuovo”.

Il Papa ha concesso l’indulgenza plenaria alle consuete condizioni ai nonni, agli anziani e a tutti i fedeli che, “motivati dal vero spirito di penitenza e carità”, parteciperanno il 25 Luglio 2021, in occasione della Prima Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, alle diverse funzioni che si svolgeranno in tutto il mondo. L’indulgenza plenaria potrà essere applicata anche come suffragio alle anime del Purgatorio.
Potranno ugualmente conseguire l’Indulgenza Plenaria, premesso distaccamento a qualsiasi peccato gli anziani malati e tutti coloro che, impossibilitati di uscire dalla propria casa per grave motivo, si uniranno spiritualmente alle funzioni sacre della Giornata Mondiale, offrendo al Dio Misericordioso le loro preghiere, dolori o sofferenze della propria vita, soprattutto mentre si trasmetteranno tramite i mezzi televisivi.

Durante le sante Messe di domenica 25 luglio, avremo una preghiera di ricordo per tutti i nonni e gli anziani. Incoraggio i nipoti, in questa domenica, a fare u n bel regalo ai propri nonni, partecipando alla Messa e pregando per loro.